Eventi passati

Mongolia, Festival delle Aquile

Viaggio fotografico - Data di partenza Viaggio fotografico - Data di partenza Data Partenza 09/09/2019
Viaggio fotografico - Data di ritorno Viaggio fotografico - Data di ritorno Data Ritorno
Viaggio fotografico - Partecipanti Viaggio fotografico - Partecipanti Partecipanti 9
Viaggio fotografico - Recensioni Viaggio fotografico - Recensioni Recensioni
Viaggio fotografico Accompagnatore del viaggio Roberto Gabriele

Roberto è la parte razionale e imprenditoriale, ma anche un po' visionaria di Viaggio Fotografico, che nasce proprio da una sua intuizione nel lontano 2013. Chiude il suo studio fotografico, si trasferisce da Latina a Roma e cambia vita. Ama le sfide, i numeri e le mappe, e non farebbe mai a meno delle sue scarpe super comode che lo accompagnano ovunque! Instancabile, viaggiare per lui è un modo di essere, uno stile di vita, un bisogno primario insito nella sua natura di fotografo. Trovare soluzioni impossibili è per lui un gioco divertente adatto ad un bambinone di 54 anni che non si stanca mai di imparare dalla vita.

La festa delle Aquile

Torniamo a fare uno dei nostri itinerari più suggestivi: la Mongolia e la sua festa delle Aquile con i suoi usi e costumi che lasciano davvero senza parole. Una full immersion in un modo ancora perfettamente conservato nelle sue tradizioni.

Lo faremo in occasione della festa tra le feste, il più importante momento di aggregazione dell’anno in Mongolia: il festival delle Aquile.

Aquile

Uniremo al festival il fascino selvaggio del Deserto dei Gobi, con i Nomadi che lo abitano vivendo nelle Ger, le tipiche tende a base circolare nelle quali dormiremo anche noi per quasi tutto il nostro Viaggio Fotografico.

Il percorso nel Deserto di Gobi resta identico già fatto nella nostra prima edizione, ma abbiamo aggiunto questo secondo itinerario proprio per andare al Festival delle Aquile: raggiungeremo in volo i monti Altai e proprio lì ci sarà la parte che abbiamo inserito quest’anno. E’ un viaggio pieno di interesse naturalistico e sociale: visiteremo le ger dei Nomadi che abitano in un paesaggio sconfinato nel quale non esistono strade e dove per muoversi ci si affida all’esperienza degli Autisti che per orientarsi riconoscono le cime delle montagne.

Aquile

La cosa che ti potrà letteralmente sconvolgere è l’accoglienza che queste persone hanno per chi vada a trovarle: ti aprono la loro casa (che in effetti è una tenda) e ti mostrano il loro mondo circolare di pochi metri quadrati in cui trova spazio molto spesso una televisione, una stufa a legna e 2 letti. I piccoli villaggi isolati nel nulla sono degli avamposti estremi in cui la gente si riunisce e trova alcuni servizi essenziali, leggi l’articolo del Capogruppo sui villaggi mongoli.

ulan bator

Descrizione

La festa delle Aquile

Torniamo a fare uno dei nostri itinerari più suggestivi: la Mongolia e la sua festa delle Aquile con i suoi usi e costumi che lasciano davvero senza parole. Una full immersion in un modo ancora perfettamente conservato nelle sue tradizioni.

Lo faremo in occasione della festa tra le feste, il più importante momento di aggregazione dell’anno in Mongolia: il festival delle Aquile.

Aquile

Uniremo al festival il fascino selvaggio del Deserto dei Gobi, con i Nomadi che lo abitano vivendo nelle Ger, le tipiche tende a base circolare nelle quali dormiremo anche noi per quasi tutto il nostro Viaggio Fotografico.

Il percorso nel Deserto di Gobi resta identico già fatto nella nostra prima edizione, ma abbiamo aggiunto questo secondo itinerario proprio per andare al Festival delle Aquile: raggiungeremo in volo i monti Altai e proprio lì ci sarà la parte che abbiamo inserito quest’anno. E’ un viaggio pieno di interesse naturalistico e sociale: visiteremo le ger dei Nomadi che abitano in un paesaggio sconfinato nel quale non esistono strade e dove per muoversi ci si affida all’esperienza degli Autisti che per orientarsi riconoscono le cime delle montagne.

Aquile

La cosa che ti potrà letteralmente sconvolgere è l’accoglienza che queste persone hanno per chi vada a trovarle: ti aprono la loro casa (che in effetti è una tenda) e ti mostrano il loro mondo circolare di pochi metri quadrati in cui trova spazio molto spesso una televisione, una stufa a legna e 2 letti. I piccoli villaggi isolati nel nulla sono degli avamposti estremi in cui la gente si riunisce e trova alcuni servizi essenziali, leggi l’articolo del Capogruppo sui villaggi mongoli.

Cosa pensano i nostri viaggiatori Recensioni
  1. Giuseppe Pagani

    Il viaggio in Mongolia con Roberto è stato semplicemente perfetto. L’organizzazione è stata impeccabile e ha permesso di godere appieno di quello che la Mongolia ha da offrire a livello paesaggistico, culturale, culinario e non solo. Questo viaggio ci ha fatto toccare con mano tutte queste dimensioni, scoprendo questo Paese non solo da dietro l’obiettivo di una macchina fotografica (che comunque è sempre una bella prospettiva, soprattutto considerando che la Mongolia è estremamente fotogenica), ma entrando spesso in contatto con le persone del luogo.
    A tutto questo si aggiunge il sempre presente e prezioso supporto di Roberto per qualsiasi consiglio fotografico che – almeno per quanto riguarda il sottoscritto – ha consentito di fare più che un passo in avanti nell’ apprendere tecniche fotografiche e migliorare i miei scatti.

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Racconti dal mondo Articoli correlati
Mongolia

La Mongolia Torneremo in Mongolia per il secondo anno di seguito, e vista l’esperienza fatta, anche anche il capogruppo Roberto…

Monastero buddista in Mongolia

Ritenevo di aver preparato con cura il Viaggio in Mongolia, approfondendo sia la vita della popolazione nomade sia la straordinaria…

Eagle’s Festival

Festival delle Aquile: due giorni ad alta intensità emotiva Testo e foto di Maurizio Trifilidis Sui Monti dell’Altaj della Mongolia…

Contattaci Richiedi informazioni



    * campi obbligatori