Eventi passati

Istanbul Street

Viaggio fotografico - Data di partenza Viaggio fotografico - Data di partenza Data Partenza 29/05/2024
Viaggio fotografico - Data di ritorno Viaggio fotografico - Data di ritorno Data Ritorno 02/06/2024
Viaggio fotografico - Partecipanti Viaggio fotografico - Partecipanti Partecipanti 6-10 persone
Viaggio fotografico - Recensioni Viaggio fotografico - Recensioni Recensioni
Viaggio fotografico Accompagnatore del viaggio Stefano Mirabella

Stefano Mirabella

Stefano Mirabella è uno Street Photographer romano molto stimato su tutta la scena internazionale nonchè Leica Ambassador date le sue eccellenti doti di Docente di Fotografia. Abbiamo già avuto modo di collaborare con lui in diverse attività, workshop e mostre. Ora entra a far parte ufficialmente della grande squadra di Viaggio Fotografico proponendo workshop tutti all'insegna della Street fatta con il nostro metodo e la nostra organizzazione.

Istanbul è una malinconia condivisa. Un gioco di specchi. Un labirinto di strade osservate dalla finestra in una sera d’inverno. Istanbul è un sogno dentro un sogno popolato di viaggiatori, poeti, mercanti, gatti, pittori, venditori ambulanti. Da Istanbul di Orhan Pamuk

Istanbul (Ispirazioni)

SECONDA EDIZIONE dopo soli 6 mesi per questo strepitoso workshop di Street Photography ad Istanbul con Stefano Mirabella, Docente Leica Academy e ora anche nostro Capogruppo di Viaggio Fotografico.

Ispirati dall’amicizia e dalla poetica di Orhan Pamuk, due grandissimi fotografi hanno raccontato Istanbul in maniera magistrale. Parliamo di Ara Guler e Alex Webb, due maestri indiscussi che ci forniranno la “traccia” per questo workshop fotografico nella città dai 100 nomi.

Foto di @Alex Webb, ispiratore del nostro workshop

Andremo alla scoperta della città visitandone i quartieri più caratteristici, immergendoci da subito nelle atmosfere uniche che solo un luogo di passaggio e di confine come Istanbul può offrire.

Usciremo ogni mattina di buon ora per sfruttare le prime luci del giorno, quelle atmosfere dense e malinconiche tanto care al grande fotografo turco Ara Guler, che con il suo magistrale bianco e nero ha raccontato per anni questa meravigliosa città.

Per conoscere meglio questo grande autore ci recheremo una volta tutti insieme a mangiare in quello che è stato il suo ristorante, l’Ara Cafè dove si possono ammirare le sue meravigliose e autentiche fotografie appese alle pareti.

Foto di Alex Webb, ispiratore del nostro Workshop

Durante il proseguo della giornata ci immergeremo nelle vie dei quartieri più suggestivi, nei bazar, nei mercati, nelle moschee e lungo i tanti ponti che sono da sempre il collegamento tra oriente e occidente. Coglieremo attraverso la nostra macchina fotografica l’essenza di questi luoghi attraverso i volti, gli sguardi e le azioni delle tante persone che li animano, proprio come ha fatto Alex Webb nei numerosissimi viaggi a Istanbul, con le sue indimenticabili fotografie ricche di livelli e colori. Prenderemo spunto dalle sue composizioni, dal suo approccio e dal suo modo di fotografare per provare a muoverci e raccontare attraverso le nostre immagini questa meravigliosa città.

Stefano Mirabella

 

Istanbul
Foto: © Stefano Mirabella

 

PROGRAMMA

PRIMO E SECONDO GIORNO (Parte più turistica e più facile fotograficamente) TERZO E QUARTO GIORNO   (Zone più caratteristiche e meno turistiche, più impegnative fotograficamente).

I quartieri più interessanti sono senz’altro FATIH, FENER e BALAT. Si trovano all’interno delle mura  della città vecchia, ad ovest di Eminönü e si affacciano sul Corno d’Oro lato europeo.

Le zone di Fatih, Fener e Balat sono sicuramente le più ricche di storia, le più affascinanti e caratteristiche di tutta Istanbul, zone in cui i popoli e le religioni si sono nel tempo mescolati e sovrapposti, evidenziando e portando fino ai giorni nostri una straordinaria ricchezza di architetture, di monumenti religiosi, di colori e di prelibatezze gastronomiche.

Proprio per questi motivi rientrano nella lista dei patrimoni dell’Unesco e nonostante ciò sono visitate da meno dell’1% dei turisti che visitano Istanbul anche se ultimamente l’interesse sta notevolmente aumentando.

Istanbul
Foto: © Stefano Mirabella

 

Le foto della prima edizione:

Clicca su questo link: https://online.fliphtml5.com/lyrvo/jtgq/#p=1  per vedere le foto fatte nell’Edizione 2023 di questo viaggio.

Clicca e sfoglia il libro con le foto della prima edizione

 

Istanbul
Best Western Empire Palace
Sultanahmet
Fatih
Galata
Istiklal Caddesi
Piazza Taksim
Fener
Balat
uptitle travel program Clicca sui singoli giorni per scoprire il Day by Day
1 29 maggio 2024
Voli Italia - Istanbul e Sultanahmet
leggi tutto
2 30 maggio 2024
Un ponte, mille città
leggi tutto
3 31 maggio 2024
Fatih
leggi tutto
4 1 giugno 2024
Fener
leggi tutto
5 2 giugno 2024
Balat e Voli Istanbul - Italia
leggi tutto
Chiudi popup
Giorno 1 29 maggio 2024
Voli Italia - Istanbul e Sultanahmet Zona di Sultanahmet (la zona delle moschee): Gran Bazar uno dei più antichi e più grandi mercati coperti del mondo. E’ praticamente una piccola città con 18 porte di entrata, più di 4000 negozi e 60 strade. Il primo bazar fu costruito nel 1461 ed era tutto in legno, le transazioni inizialmente vertevano solo sulla lana e sulla seta ma poco a poco si aprì a tutti i tipi di commercio. Un tempo ogni settore commerciale aveva le sue vie delineate, ed ancora oggi i mercanti di tappeti, i gioiellieri, i mercanti di cuoio o di abiti sono raggruppati in specifiche sezioni. Al centro si trova il Bedesten, in cui si trovano oggetti di antiquariato, argenteria, orologi ed altri oggetti d’epoca. Al di là dei possibili acquisti, rimane ancora un luogo magico. Come tutti i bazar è un luogo diventato turistico ma mantiene comunque un grande fascino e tante opportunità fotografiche soprattutto nel dedalo di vicoli e viuzze che circondano il bazar e che sono colme di gente, negozietti, ambulanti, cibo di strada e qualsiasi altra cosa si possa immaginare.
Chiudi popup
Giorno 2 30 maggio 2024
Un ponte, mille città Piazza EMINONU da cui parte il quartiere/area di Fatih. Una piazza molto grande gremita di gente a tutte le ore, vicino al molo da cui partono i traghetti per il bosforo e vicino al ponte di Galata. Ponte di Galata dove ci sono tutti i pescatori con la canna che pescano dal ponte    Per una street più contemporanea che racconta la Istanbul dei giorni nostri, la modernità dei giovani ecc. bisogna attraversare il ponte e andare:   ISTIKLAL CADDESI (zona Pera) Una lunghissima via dello shopping, pedonale, larghissima, dove transitano fiumi di persone e dove si può fare una street assolutamente contemporanea e divertente. Al centro della via passa uno storico tram che può creare situazioni fotografiche interessanti. Anche le vie laterali non sono da trascurare e possono riservare belle sorprese Piazza TAKSIM. Gigantesca da cui parte ISTIKLAL CD e da cui partono tutti i mezzi pubblici possibili ed immaginabili.  
Chiudi popup
Giorno 3 31 maggio 2024
Fatih Fatih è da considerarsi uno dei quartieri più “conservatori” di Istanbul, è la zona più osservante dal punta di vista religioso, con al centro il monumentale complesso della Moschea di Fatih. A Fatih oggi vivono per lo più immigrati dalle zone dell’estremo est anatolico, quindi persone molto più attente ai dettami religiosi, ma anche cariche delle loro strepitose tradizioni culinarie e dove fermarsi indubbiamente a mangiare. La zona di Zeyrek (sempre all’interno dell’area di Fatih) con le sue case in legno di periodo ottomano antiche di 200 anni, è una delle più pittoresche di tutta Istanbul. Le donne sono quasi tutte in burka nero e la maggior parte degli uomini (anche i bambini) sono vestiti in abito “tradizionale” completamente coperti e con il tipico copricapo da cranio islamico. Qui si ha veramente la sensazione che il tempo si sia fermato. E’ necessario fare attenzione nel fotografare, evitando di farlo in maniera spudorata, magari tenere la macchina al collo e scattare senza inquadrare in maniera troppo evidente. Lasciando alle spalle Fatih e dirigendosi verso Fener, incontriamo il quartiere di Çarşamba. Qui si trova una delle più famose Chiese Bizantine di Istanbul, la Chiesa di Theotokos Pammakaristos, conosciuta oggi come Fethiye Camii, dato che al giorno d’oggi è per metà moschea e per metà museo.  
Chiudi popup
Giorno 4 1 giugno 2024
Fener Fener è lo storico quartiere greco, dove le strade cominciano a farsi strette e labirintiche, le pendenze si fanno importanti, e c’è il “rischio” di perdersi tra i vicoli. E’ il quartiere dei sampietrini ultra centenari, delle case ottomane colorate, alcune superbamente restaurate, altre impietosamente diroccate, dove i gatti sono padroni e vengono amorevolmente accuditi da tutti gli abitanti del quartiere. Qui si respira un’aria vintage e si possono fare fotografie interessanti. All’interno del quartiere di Fener troviamo uno dei luoghi più importanti in assoluto della religione Cristiana, il Patriarcato Ecumenico di Costantinopoli, l’equivalente di San Pietro a Roma per la religione Cristiana Ortodossa. L’importanza storica e simbolica di questo luogo è enorme. E’ una delle cinque sedi principali della chiesa cristiana, in ordine di gerarchia, il patriarcato di Costantinopoli è il secondo dopo Roma, e precede Alessandria, Antiochia e Gerusalemme. 
Chiudi popup
Giorno 5 2 giugno 2024
Balat e Voli Istanbul - Italia Balat è lo storico quartiere ebraico, lo è stato a lungo, sia durante il periodo bizantino sia durante il periodo ottomano, questo a dimostrare il clima di convivenza interreligiosa che ha sempre caratterizzato Istanbul. Questa zona è piena di mercanti d’arte, rigattieri e anche tanti ristorantini Gli ebrei hanno cominciato a lasciare il quartiere solo a seguito del forte terremoto del 1894, e nel tempo da zona estremamente ricca si è in fretta trasformata in zona di immigrati delle classi sociali più basse. Il cambio di composizione sociale ha fatto attraversare a Balat una fase di trascuratezza non indifferente, a cui solo ultimamente si è cercato di porre rimedio attraverso un ambizioso progetto di riqualificazione patrocinato dall’Unesco. Il sottile confine fra splendore e degrado produce in Balat un contrasto abbagliante. Il quartiere, in cui sono presenti ben 3 sinagoghe rimane ancora oggi un vero gioiello
  • La Quota Comprende Cosa offre il pacchetto di viaggio?
  • La Quota NON comprende A cosa devo provvedere per conto mio?
  • Il Piano di Volo Come sono organizzati i voli?
  • Alberghi Dove dormiremo?
  • Il Coaching Come è organizzata la parte fotografica?
  • Iscrizioni Come iscriversi al viaggio?
  • 4 pernottamenti nella struttura indicata (o similare)
  • Trattamento di pernottamento e prima colazione
  • Accompagnatore/fotografo/assistenza sul posto da parte di Stefano Mirabella
  • Workshop fotografico per tutta la durata del viaggio
  • Guida di viaggio scritta da ViaggioFotografico (che racchiude: programma, notizie, mappe, curiosità, approfondimenti culturali, gli orari per fotografare i monumenti, cenni storico / geografici / architettonici, tutorial fotografici e altro ancora)
  • Quota gestione pratica
  • Assicurazione medico/bagaglio base (spese mediche fino a 10.000€)
  • Volo dall’Italia e tasse aeroportuali (indicati separatamente, su richiesta)
  • Trasferimenti locali
  • Pasti e bevande
  • Spese extra di carattere personale
  • Eventuali ingressi a musei
  • Tasse di soggiorno (da saldare direttamente in loco in hotel)
  • Assicurazione integrativa medico/bagaglio/annullamento, indicata separatamente
  • Tutto quanto non espressamente menzionato nella voce “la quota comprende”

Il Piano di Voli organizzato da TiBi World che riportiamo qui di seguito è da Roma Fiumicino, ma se nel form di richiesta indichi il tuo aeroporto preferito puoi partire da ovunque in Italia e arrivare direttamente ad Istanbul anche senza passare per Roma.

Proposta da/per Roma:
TK 1362 29MAY Roma FCO – Istanbul IST 07.00 arrivo 10.40
TK 1361 02JUN Istanbul IST – Roma FCO 21.50 arrivo 23.30

Come sempre, se vuoi puoi provvedere in autonomia a prendere i voli per conto tuo

Dormiremo al Dosso Dossi Old City 4*  un albergo molto carino in posizione strategica al centro delle zone in cui andremo a fotografare.

L’albergo è dotato di ogni comfort e faremo lì anche la revisione serale delle nostre foto e si trova a pochi minuti a piedi dalla famosa Moschea Blu.

Ogni sera, prima di cena, in albergo tutti assieme daremo vita a quella che è per me (Stefano Mirabella) una fase fondamentale di ogni workshop che tengo, la selezione e la revisione delle foto scattate in giornata. 

Un’occasione per analizzare quanto fatto, correggere eventualmente il tiro e prepararsi fotograficamente alla giornata successiva.

L’obiettivo finale per ogni partecipante sarà la realizzazione di un personalissimo miniportfolio, frutto di un’accurata e attenta selezione delle foto fatte durante i 4 giorni trascorsi insieme.

COME ISCRIVERSI AL VIAGGIO:

Per essere ufficialmente iscritti al Viaggio Fotografico è necessario:

  • RIEMPIRE IL FORM di richiesta informazioni IN QUESTA PAGINA
  • Riceverai a stretto giro un preventivo personalizzato sulle tue esigenze e un contratto di viaggio dal nostro Tour Operator TiBiWorld
  • Riceverai anche gli importi da pagare e tutte le altre info e documenti necessari per formalizzare la tua partecipazione
  • Provvedi a quanto ti verrà richiesto e invia ricevute, documenti ecc direttamente all’email che ti invieremo

Perfetto, solo questo, non serve altro.

Descrizione

Istanbul (Ispirazioni)

SECONDA EDIZIONE dopo soli 6 mesi per questo strepitoso workshop di Street Photography ad Istanbul con Stefano Mirabella, Docente Leica Academy e ora anche nostro Capogruppo di Viaggio Fotografico.

Ispirati dall’amicizia e dalla poetica di Orhan Pamuk, due grandissimi fotografi hanno raccontato Istanbul in maniera magistrale. Parliamo di Ara Guler e Alex Webb, due maestri indiscussi che ci forniranno la “traccia” per questo workshop fotografico nella città dai 100 nomi.

Foto di @Alex Webb, ispiratore del nostro workshop

Andremo alla scoperta della città visitandone i quartieri più caratteristici, immergendoci da subito nelle atmosfere uniche che solo un luogo di passaggio e di confine come Istanbul può offrire.

Usciremo ogni mattina di buon ora per sfruttare le prime luci del giorno, quelle atmosfere dense e malinconiche tanto care al grande fotografo turco Ara Guler, che con il suo magistrale bianco e nero ha raccontato per anni questa meravigliosa città.

Per conoscere meglio questo grande autore ci recheremo una volta tutti insieme a mangiare in quello che è stato il suo ristorante, l’Ara Cafè dove si possono ammirare le sue meravigliose e autentiche fotografie appese alle pareti.

Foto di Alex Webb, ispiratore del nostro Workshop

Durante il proseguo della giornata ci immergeremo nelle vie dei quartieri più suggestivi, nei bazar, nei mercati, nelle moschee e lungo i tanti ponti che sono da sempre il collegamento tra oriente e occidente. Coglieremo attraverso la nostra macchina fotografica l’essenza di questi luoghi attraverso i volti, gli sguardi e le azioni delle tante persone che li animano, proprio come ha fatto Alex Webb nei numerosissimi viaggi a Istanbul, con le sue indimenticabili fotografie ricche di livelli e colori. Prenderemo spunto dalle sue composizioni, dal suo approccio e dal suo modo di fotografare per provare a muoverci e raccontare attraverso le nostre immagini questa meravigliosa città.

Stefano Mirabella

 

Istanbul
Foto: © Stefano Mirabella

 

PROGRAMMA

PRIMO E SECONDO GIORNO (Parte più turistica e più facile fotograficamente) TERZO E QUARTO GIORNO   (Zone più caratteristiche e meno turistiche, più impegnative fotograficamente).

I quartieri più interessanti sono senz’altro FATIH, FENER e BALAT. Si trovano all’interno delle mura  della città vecchia, ad ovest di Eminönü e si affacciano sul Corno d’Oro lato europeo.

Le zone di Fatih, Fener e Balat sono sicuramente le più ricche di storia, le più affascinanti e caratteristiche di tutta Istanbul, zone in cui i popoli e le religioni si sono nel tempo mescolati e sovrapposti, evidenziando e portando fino ai giorni nostri una straordinaria ricchezza di architetture, di monumenti religiosi, di colori e di prelibatezze gastronomiche.

Proprio per questi motivi rientrano nella lista dei patrimoni dell’Unesco e nonostante ciò sono visitate da meno dell’1% dei turisti che visitano Istanbul anche se ultimamente l’interesse sta notevolmente aumentando.

Istanbul
Foto: © Stefano Mirabella

 

Le foto della prima edizione:

Clicca su questo link: https://online.fliphtml5.com/lyrvo/jtgq/#p=1  per vedere le foto fatte nell’Edizione 2023 di questo viaggio.

Clicca e sfoglia il libro con le foto della prima edizione

 

Cosa pensano i nostri viaggiatori Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Istanbul Street”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Racconti dal mondo Articoli correlati
Ferragosto a Parigi

Presentazione del viaggio: Questo Viaggio Fotografico a Parigi nasce appositamente per chi vuole scoprire Parigi (o tornarci per ri-scoprirla) e vuole godersi…

Via della Seta

Via della Seta: La Via della Seta percorsa da Marco Polo trova uno dei suoi tratti più caratteristici proprio in…

I love New York

I Love New York Si dice che… “NON C’E’ 12 SENZA 13” e questa sarà la mia tredicesima volta a…

Contattaci Richiedi informazioni



    Questo sito è protetto da reCAPTCHA e viene applicato quanto previsto da Google per la Privacy Policy e i Termini di servizio.

    * campi obbligatori